venerdì 5 febbraio 2016

ORANGE BY FEDE

In questo Inverno che non sa cosa fare però ricco dei suoi colori ho voluto dare un pò di luce e cosi ho
fatto la ORANGE per mio cugino Federico era tempo che mi chiedeva una Single e allora finiti altri impegni
ho preparato questa; unica cosa che gli ho chiesto il colore e mi aveva chiesto una bici Azzurro Chiaro o Arancione
avevo scartato a prescindere la Seconda " No Arancione no !!" gli avevo risposto ...ma poi di ispirazioni
sull' Azzurro non ne avevo e allora ho pensato ad un Arancio Metallizzato con finiture Nere e Lucidature
ecco il Risultato può piacere oppure no ma la componentistica è eccellente al peso siamo a 8.0 Kg 

Praticamente un Corsa Alleggerito Telaio COLUMBUS

Manubrio e pipa 3ttt

Cerchi ARES FIR mozzo Campagnolo raggiatura Radiale con raggi 1.8 acciaio inoxc
coperture Michelin 700 X 23 



Telaio Columbus marcato Narcisi

guarnitura Shimano con corona Bio Pace (Ovale)  

Mozzo Contropedale Velosteel 





Sella Bassano Carbon  cannotto Campagnolo Athena 



personalizzazione con striscia in Carbonio al posto della borraccia

mercoledì 27 gennaio 2016

BICICLETTE CORSA BIMBI ANNI 60-70

Tra le varie bici che mi sono passate in mano vi presento anche  queste corsa
bimbi anni 60-70 appartenute ad una squadra corse Piacentina lo faccio soprattutto per
i miei concittadini che nell'eventualità riconoscessero la bici dei loro primi passi possono contattarmi
per rivederle dal vivo se dovesse fargli piacere 



OLYMPIA questa è veramente la più bella una bici da corsa in miniatura
doppia corona anteriore e 5 rapporti   

Corona originale Olympia difficile trovare bici Bimbo
cosi accessoriate gruppo Cambio HURET

cannotto sterzo bellissimo manubrio e pipa 3ttt

freni universal con sgancio brev. 453949



n° telaio 2222


Ruote da 20 cerchi NISI mozzi Olympia


AQUILA ruote da 20 cambio Gian Robert 

da notare lo scudetto anteriore FCI 





Altra AQUILA questa in versione Pista scatto fisso e Via.....
per i primi approcci ruote da 20

anche lei marcata FCI probabilmente su questi ferri
è passato anche qualche corridore che ha poi fatto carriera




questa è la piu piccola ma cosi verniciata secondo me è la più facile da ricordare
ruote da 18 anche lei scatto fisso  per i primi approcci alla pista 



mercoledì 13 gennaio 2016

FURGONCINO DONISELLI ANNI 30-40

RESTAURO A NUOVO DI TRICICLO DONISELLI 
Dal caro amico Luigi un altra proposta di restauro di un vecchio Triciclo Doniselli databile metà anni '30  appartenuto a PINOT Stagnino di PIEVE PORTO MORONE della Bassa Pavese come al solito inutili la mia proposta di conservare ... a NUOVO e allora abbiamo esagerato penso ora  possa essere considerata la ROLLS ROYCE dei Tricicli Doniselli ero un pò titubante all' inizio ma poi una frase di LUIGI mi ha convinto e stimolato a dare il massimo " QUESTO E'UN ELOGIO AL LAVORO E'A PINOT LAVORATORE INSTANCABILE" e allora anche da parte mia a tutti coloro che in quegli anni hanno Faticato su questi mezzi .....questo Restauro lo dedico a VOI.
Mi raccontava Luigi che Pinot di giorno caricava il carretto di tutto l' occorrente per andare a stagnare pentole padelle ecc. con tanto di fucina trasportabile e girava per i vari paesi della bassa Pavese seguendo anche i vari mercati cittadini alla sera scaricava tutto e via nei campi a fare erba per i conigli e gli altri animali e molte volte era costretto a scendere dal mezzo e spingerlo non tanto per il peso ma per le cariche talmente alte che non gli permettevano di vedere la strada 
LASCIO ora a LUIGI IL RICORDO DI PINOT  :        FERRANDO LICIO GIUSEPPE (1931-2005)...detto PINOT IL MAGNANO.....magnano è un termine dialettale della Val D'Aosta per definire lo stagnino....l'artigiano del rame.....MAGNA-NO....gente povera che quasi non aveva da mangiare e abbandonava i territori di montagna per raggiungere le città e dedicarsi alla lavorazione del rame e alla pulizia delle canne fumarie....spazzacamino.....

E' proprio il caso del nostro carissimo Pinot....uomo semplice GRANDISSIMO LAVORATORE....di animo estremamente buono e tranquillo......la famiglia FERRANDO proviene da NOASCA comune vastissimo in provincia di Torino nel parco del Gran Paradiso....suo padre GIOVANNI anch'esso stagnino arrivò in quel di Pieve Porto Morone durante il periodo bellico e vi si stabilì con la famiglia i figli Giuseppe ( Pinot), Maddalena, Maria, Antonietta e Paolo....l'arte del Sig. GIovanni viene tramandata fino al 2005 anno della scomparsa dal figlio Pinot che in questa Bassa Pavese è per eccellenza l'artista del rame conosciuto, apprezzato per le sue opere artistiche e amato come uomo dalla gente.

Il triciclo rimarrà per sempre il suo simbolo.....tutti lo ricordiamo a bordo del mezzo carico di erba per le sue caprette e conigli oppure con gli attrezzi da lavoro in giro nei vari paese  della Bassa Pavese a riparare pentole e tegami....

Pinot non era sposato e viveva con la sorella Maddalena.....uomo affabile....vicino alla gente anche se riservato e schivo. Presente alla Messa del sabato sera e poi sempre assorto nei suoi lavori di stagnino e allevatore di bestiame per il sostentamento suo e della sua famiglia....

Gente venuta dalla povertà.....che con pochi e rudimentali strumenti hanno dato prova di grande talento e maestria.

Grazie caro Pinot....il triciclo è ancora tuo...noi l'abbiamo solo tolto all'incuria e l'abbiamo ripristinato.....se un domani decidi di tornare in sella fammi un fischio e il Doniselli Victoria è sempre pronto per i tuoi trasporti "eccezionali"...!!!!!

luigi 
PINOT AL LAVORO

Volevo aggiungere che il lavoro è stato fatto in collaborazione
Luigi ha pensato al Cassone rifatto di sana pianta ma identico come misure e fattezza all' Originale con l' Aiuto di un amico Falegname  io mi sono occupato della parte meccanica con il restauro totale con l' aiuto di un amico
di Luigi il Simone mago del Tornio che ha rifatto sapientemente il perno del movimento centrale e perni e chiocciole dei Mozzi
ruote del carro e i tappi dei mozzi  
ecco come si presentava il Triciclo a casa mia poi per l' assemblaggio
trasferimento a Pieve Porto Morone a casa di Luigi per il montaggio
finale cassone ecc.. 


Ruote cerchi originali da 26  x 1 3/4  nichelati raggi da 2.5 mm neri
pedivelle e pedali
fanale a Candela 


cassone ex novo by Luigi 

gemma a melograno e spettacolare sella bi ammortizzata

mega tromba nichelata spettacolari le mensole reggi " manubrio " fusione in ghisa con stampiliatura
VICTORIA il manubrio è ancora l' originale e si vede l' usura il diametro al centro è notevolmente
più grande nella parte dell' impugnatura si vede il gran lavoro di PINOT    

PENSO PROPRIO CHE DI DONISELLI COSI' IN CIRCOLAZIONE C'E' NE SIANO POCHI
E QUESTO GRAZIE A LUIGI E LA SUA PERSEVERANZA  




I COLORI DEI TEMPI CHE FURONO IL MATTONE INBRUNITO DALLA CALUGGINE DELLA LEGNA SEMBRA LA FOTO DI UN SECOLO FA ....SONO PASSATI POCHI LUSTRI  CARO  PINOT MI  AVREBBE FATTO UN GRAN PIACERE CONOSCERTI ....LUIGI HA AVUTO GRANDE STIMA DI TE 
COMUNQUE COME HA DETTO LUI IL CARRETTO E' SEMPRE IL TUO  IO CHE POSSO DIRE
CHE NON POTEVA FINIRE IN MANI MIGLIORI LUIGI NE AVRA' GRAN CURA